ss_blog_claim=a290fbfb2dabf576491bbfbeda3c15bc

Wednesday, July 20, 2005

Andrea Bairati

Egregio dott. Andrea Bairati,

Se uno digita il suo nome su Google appare

Andrea Bairati :Assessore all’università, ricerca e politiche dell’innovazione della Regione Piemonte

Quello che non si dice e' che Lei e' un gran maleducato.
Questa e' la definizione che io do' di una persona (politica, al Servizio del cittadino) a cui ho scritto due email e da cui non ho ricevuto alcuna risposta.

E' vero che questo e' il classico atteggiamento del Politico dei giorni nostri.

Vede io sono cresciuta in un tempo in cui si studiava ancora "Educazione Civica" e tutti I libri di testo iniziavano con:

"Lo Stato e' al Servizio del cittadino"

Mentre oggi non si studia piu' e soprattutto non si pubblicano piu' libri di testo, perche' si dovrebbe scrivere:

"Il cittadino e' al Servizio dei Politicanti che rappresentano uno Stato che non esiste piu'".

Se si fa una radiografia della civilta' odierna (italiana) si vede che le "Opere Pubbliche" sono da un lato Stadi e Piste da sci e dall'altro, per salvare la parvenza di cultura, la costruzione di opere pubbliche che hanno nessun'altra utilita' che quella di dare lavoro a imprese che pagano profumatamente tangenti a chi le progetta...
Nonche' opere che servono a "portare voti".


Dopo decenni in cui si produce e si sviluppa cio' che produce voti, a detrimento della intelligenza e dello sviluppo culturale del cittadino, io penso che sarebbe ora di cambiare rotta, anche a costo di essere impopolari.

C'e' un progresso che va al di la' dei telefoni cellulari, delle autostrade, dei giochi olimpici.
C'e' un progresso che e' abbracciato da paesi che incentivano gli interessi culturali come la Francia.

C'e' un progresso che porta all'apertura mentale perche' favorisce I contatti con il mondo.
Questo progresso non solo non appartiene all'Italia, ma sembra che si faccia il possible per negarlo e oscurarlo.

All'indomani dell'annuncio che la Francia e la Spagna saranno le prime in Europa ad adottare il sistema IPV6 in Italia in paesi che distano 6 Km da una citta' dove esiste gia' da tempo la DSL non si parla neppure di IP dinamici, perche' il futuro della Banda Larga e' visto come qualcosa di "probabile" ma non "vicino".

E quando un cittadino osa protestare, si ignora e non si degna neppure di due righe di risposta.


Io ho un Blog su Internet che e' abbastanza frequentato, e ho anche la statistica delle visite.
Spesso ci capita qualcuno che digita "Andrea Bairati" e legge le email che le scrivo.

Lei non fa una bella figura.

Lo so che non potrebbe importarle meno, ma anche in questo appartiene alla vecchia generazione di politici.
E' vero, questo non le diminuisce lo stipendio, ma dovrebbe per lo meno diminuire la stima che lei ha di se stesso.


Io da parte mia, sono una malata di idealismo, e spero sempre che chi sa, un domani qualcosa possa succedere...


Dott. Fulvia Patrizia Broghammer
Post a Comment
 
ss_blog_claim=a290fbfb2dabf576491bbfbeda3c15bc