ss_blog_claim=a290fbfb2dabf576491bbfbeda3c15bc

Monday, August 22, 2005

L'essenziale differenza tra il sistema parlamentare inglese e quello italiano

Tutti conosciamo l'enorme differenza di base tra le istituzioni inglesi e quelle italiane.

Si potrebbe credere che questa sia dovuta al diverso temperamento e allla diversita' razziale, ma in realta' la differenza dipende da un motivo piu' prosaico: la diversa disposizione dei seggi.
Mi spieghero' meglio.

Gli Inglesi hanno nel sangue la competizione sportiva, cosi' entrano nella House of Commons con lo spirito di coloro che preferirebbero fare qualcos'altro.

L'istinto britannico e' di formare due opposte squadre che dibatteranno fino all'esaurimento.
La House of Commons ha una disposizione tale che l'individuo membro e' obbligato a schierarsi da un lato o dall'altro prima ancora di conoscere l'argomento che verra' discusso.
Se colui che fa il discorso si trova dalla sua parte, allora il membro dira':Hear, hear.

Se e' dalla parte opposta dira' semplicemente: Shame, shame.

Ovviamente tutti coloro che siedono dalla parte opposta sono nel torto, mentre i discorsi di coloro che siedono dalla sua parte avranno un misto di saggezza, eloquenza e moderazione eccezionale.

Il sistema britannico dipende unicamente dalla disposizione dei seggi.
Se non fossero situati uno di fronte all'altro, nessuno sarebbe in grado di distinguere il falso dal vero, a meno di ascoltare attentamente tutto cio' che si dice.
Grazie alla disposizione dei seggi uno puo' appisolarsi e purtuttavia non perdere il filo del discorso, o perlomeno, approvare l'approvabile e disapprovare il contrario.

In Italia l'errore iniziale e' stato disporre i seggi in un semi-circolo.

La confusione risultante potrebbe essere facilmente immaginata, se non fosse cosi' palese.
Invece di evere due schieramenti, uno nel giusto e l' altro nello sbagliato (nel torto), gli Italiani formano una moltitudine di gruppi schierati in ogni direzione.
Con in campo un tale scompiglio, non si puo' neppure pensare di inziare una battaglia.
In linea di massima, i rappresentanti dovrebbero essere di destra o di sinistra a seconda di dove siedono.
Ma la disposizione in semi-circolo permette schieramenti amorfi.
Uno puo' essere contemporaneamente alla destra o alla sinistra, dipende da che parte lo si considera.

Cosi', ovviamente, la decisione finale e' decretata dai voti di chi e' al centro.

Questo non puo' succedere nella House of Commons dove non esiste uno schieramento centrale.

Per cui, in ogni controversia che deve essere decisa dalla volonta' del popolo, possiamo essere sicuri che il popolo decidera' quello che decidera' lo schieramento di centro.

Ogni tipo di discorso si risolve in una emerita perdita di tempo.
Post a Comment
 
ss_blog_claim=a290fbfb2dabf576491bbfbeda3c15bc